Regno Unito, fra tradizioni… E pizza!

Il mio lavoro mi ha portato più volte, nel corso degli anni, anche a Cambridge, Oxford, Londra, a Glasgow e ad Edimburgo. Devo ammettere che, più che la City, comunque bellissima ed interessante, mi hanno affascinato le altre città del Regno Unito dove ho fatto tappa.

Le città universitarie di Cambridge e Oxford, per esempio. Così vive e brulicanti di giovani, con tanti studenti italiani e un’urbanistica curata, attenta al dettaglio. Qui ho formato il personale di alcune pizzerie nella preparazione della pizza in pala. Città apparentemente seriose ed impostate, in realtà vivacissime e pronte al cambiamento. La Scozia ha tradizioni gastronomiche che, se non avessi stomaco forte e l’esperienza di chi ha assaggiato di tutto nelle varie e variegate regioni d’Italia, mi avrebbero quanto meno turbato. Un esempio? Una mattina, per colazione, ho mangiato l’haggis. Credevo fosse un semplice salume. Solo dopo essermene ingollato un po’ con pane e uova, ho scoperto cosa fosse realmente. Interiora di pecora macinate (cuore, polmoni e fegato) e rognone (rene dell’animale) uniti alla cipolla e insaccati dentro lo stomaco e poi bolliti. Diciamo che, a quel punto, mi è passata la fame…

A Glasgow, ho collaborato con la signora Giovanna Eusebi, di chiare origini italiane, titolare del ristorante Eusebi Deli: un locale su due piani con cucina a vista che è ormai punto di riferimento cittadino, amato per i cibi di alta qualità che propone e anche per l’arredamento raffinato. Giovanna è un altro caso di rapporto professionale che si è trasformato in un legame d’amicizia: comunione d’intenti, gusti simili e identica volontà di crescere e migliorare in questo mestiere che amiamo. Una sintonia tale che potrebbe portarci anche a delle grosse novità lavorative. Restate connessi e scoprirete presto di più.

Tornando all’Inghilterra, amo follemente la tipica english breakfast. Scrumble eggs (che preferisco nettamente alle uova strapazzate all’americana, meno cremose e morbide di quelle inglesi), fagioli in salsa, salsiccia, bacon croccante, funghi, pane tostato. Un piatto unico golosissimo che qui si può mangiare in qualsiasi locale a qualsiasi ora del giorno, magari accompagnato da un tè nero bollente o una tazzona di caffè. Non solo birra, insomma. Anche se, è risaputo, qui la birra scorre a fiumi e con effetti davvero spiacevoli: all’alba del weekend, Londra è popolata da giovani zombie, stravaccati per terra, noncuranti del freddo e della mancanza di igiene, stravolti dalla nottata alcolica.